LA “SHOCK ECONOMY” IN EUROPA NON FUNZIONA


DI COSTANTINOS DIMOULAS.

Molte aziende stanno distribuendo ai loro dipendenti dei questionari che chiedono in quale paese preferirebbero trasferirsi per lavorare, nel caso Syriza diventasse il partito di governo dopo le elezioni di domani.

Mentre l’economia greca è sconvolta dal quinto anno consecutivo di recessione e la riduzione del suo prodotto interno lordo – a causa delle misure di «austerità» imposte al paese dalla troika – ha superato il 17%, si sta verificando una catastrofe sociale senza precedenti.

Inoltre, per le stesse ragioni, il paese sta assistendo alla distruzione dei servizi sociali (sanità, istruzione, assegno di disoccupazione, assistenza pensionistica e sanitaria) e i poveri (pensionati, disoccupati e sottopagati) sono costretti a pagare di tasca propria i farmaci e le cure mediche, oltre alla fornitura di elettricità (acqua etc.), proprio mentre la compagnia Greek Petroleum ha annunciato di aver aumentato del 5% i suoi profitti e la Banca Piraeous del 18% circa.

Il 29 maggio scorso le autorità economiche europee hanno annunciato il trasferimento di 18 miliardi di euro alle quattro principali banche private greche, le quali controllano oltre il 70% del settore bancario ellenico e le cui azioni sono detenute in maggioranza da fondi europei privati e istituzionali, per aumentare la loro adeguatezza patrimoniale. In questa misura di assistenza finanziaria europea non sono invece state incluse le due banche pubbliche del Paese. Il giorno successivo (il 30 maggio) l’Agenzia nazionale per la salute (Eoppy) ha annunciato di non essere in grado di rimborsare ai farmacisti i soldi che deve a questi ultimi per i medicinali prescritti.

Nel frattempo i funzionari dell’Unione europea e i loro protettori (speculatori, banchieri e leader politici) fanno a gara a chi spaventa di più il popolo greco, affinché non voti contro i partiti che hanno sottoscritto le misure di «austerità» e quelle previste dal Memorandum, in cambio della liquidità accordata con nuovi prestiti al settore bancario ellenico. Un memorandum – sottoscritto da Nuova democrazia, Laos e Pasok – che invece di favorire il riorientamento produttivo dell’economia greca riducendo l’enorme evasione fiscale della quale beneficiano gli operatori medio alti e gli intermediari, cancella almeno il 30% dello stipendio annuale dei lavoratori e delle classi medio-basse, annulla gli standard del contratto collettivo mentre l’inflazione avanza al ritmo del 4-5%. Si pretende inoltre che i lavoratori paghino a caro prezzo beni e servizi di prima necessità e di tasca propria i servizi sociali, nonostante sborsino già contributi assicurativi altissimi, così come alta è la tassazione sul reddito e l’Iva a cui sono sottoposti.

Ma c’è di più dietro queste misure punitive: il tentativo è quello di far sentire colpevole il cittadino greco se non riuscirà – a qualsiasi costo, per sé e per la sua famiglia – a restituire, ad alti tassi d’interesse, i debiti che le sue classi dirigenti hanno contratto per importare dalla Germania, dall’Olanda e dall’Italia merci che hanno spazzato via dal mercato interno i prodotti greci e danneggiato le sue prospettive produttive e di impiego.

Le classi dominanti europee e greche, il cui dominio si basa su patrimoni finanziari immateriali, sanno molto bene che nel contesto capitalistico la riformulazione dell’economia europea presuppone la distruzione delle classi medie che si sono sviluppate nel secondo dopoguerra e la degradazione dei servizi pubblici e di quelli sociali. Quale migliore e inevitabile soluzione per l’enigma greco provano dunque ad applicare la scelta del «letto di Procuste», ribattezzata per l’occasione Financial assistance facility agreement.
Secondo questo accordo, il popolo greco deve pagare più denaro ai suoi creditori (oltre 35 miliardi di euro ogni anno per i prossimi 30 anni) e meno per salari, pensioni e misure assistenziali. Salari e pensioni, secondo l’accordo, vanno corrisposti solo dopo che i creditori hanno ottenuto le rate dei loro rimborsi.

In passato una parte di questi prestiti, che andava ad alimentare i consumi, garantiva il consenso delle classi medie al progetto dell’area euro, anche se la maggior parte di quel denaro serviva per riprodurre il privilegio dell’élite politica e della borghesia compradora e finanziaria. Negli ultimi vent’anni il paese si è trasformato in un’economia di servizi basata sul turismo e sul commercio e il popolo greco, a causa dell’euro forte, ha perso una porzione importante della sua capacità produttiva, ma non dei suoi valori umani. Nonostante le élite europee e nazionali gli chiedano di accettare il destino di diventare vassalli, i greci resistono seguendo i loro sentimenti di libertà e le loro aspirazioni a una vita dignitosa. Proprio questa prospettiva alternativa rappresenta ciò che le élite europee temono di più, perché può dare l’avvio a una catena di cambiamenti radicali in tutta l’Europa.

Il voto del 6 maggio scorso ha rivelato che l’applicazione della dottrina dello shock, descritta in maniera autorevole da Naomi Klein, non è applicabile all’Europa, dove la memoria storica e la cultura democratica, Il tasso di disoccupazione ha oltrepassato il 21%, il che significa che in un paese con meno di 11 milioni di abitanti e una forza lavoro inferiore a 5 milioni, oltre 1.200.000 persone non riescono a trovare nemmeno un lavoro part time che gli permetta di guadagnare 400 euro al mese, e tra queste soltanto il 30% ha diritto, per un periodo massimo di 12 mesi, al povero sussidio di disoccupazione di 300 euro. invece di essere cancellate, risvegliano la coscienza libertaria dei popoli.

Le ultime elezioni in Grecia hanno dimostrato che l’Europa sta dando l’addio all’era neoliberale. Ma questa prospettiva non è ancora sicura, perché siamo in un equilibrio precario in cui – come direbbe Antonio Gramsci – «il nuovo non è ancora nato e il vecchio resiste». È per questo che in Grecia molte aziende stanno distribuendo ai loro dipendenti dei questionari che chiedono in quale paese preferirebbero trasferirsi per lavorare, nel caso Syriza diventasse il partito di governo dopo le elezioni del prossimo 17 giugno. È per questo che in tutta Europa le classi dominanti stanno utilizzando il loro arsenale per terrorizzare il popolo greco e convincerlo a non votare contro i partiti che hanno sottoscritto la violazione della sua esistenza dignitosa.

Questa testimonianza dall’anello debole della catena europea si trasmetterà all’Europa progressista, spingendo verso la legittimazione di un governo europeo autorevole e reattivo. O siamo diretti verso la disintegrazione e il rafforzamento dei nazionalismi?

La risposta non «soffia nel vento», ma nei sentimenti dei popoli e nella loro aspirazione a una vita dignitosa.

Constantinos Dimoulas (docente presso la Panteion University, Atene)
Fonte: http://www.ilmanifesto.it
13.06.2012

Traduzione di Michelangelo Cocco

Fonte:
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=10442&mode=thread&order=0&thold=0

20120616-231222.jpg

About these ads
  1. #1 di Francesca il 20 giugno 2012 - 09:22

    Ho letto con molta attenzione l’articolo e devo dire innanzitutto che è ben scritto, Io vivo a Brindisi una città non molto lontana dalla Grecia e sotto molti aspetti le problematiche si assomigliano. L’uomo non deve mai perdere la sua dignità e il diritto ad una vita dignitosa,l’orgoglio di essere appartenente e meritevole a tutto ciò che permette una vita sana sotto tutti gli aspetti…quello fisico, psicologico, affettivo, morale, con l’opportunità anche nel suo piccolo di poter esprimere il proprio pensiero o le proprie idee,rispettando la storia di ognuno dal singolo individuo a un intera comunità per una crescita collettiva. Se ci spogliassimo di tutti gli abiti che indossiamo e fossimo nudi come vermi saremmo tutti uguali, quindi penso che tutti meritino le stesse opportunità di crescita,in modo che ognuno possa fare un cammino,verso una vita migliore,verso il benessere di tutti. Io non riesco ad essere felice quando camminando nella mia Città ho in altre e vedere quanto degrado e quanto abbandono c’è e non voglio abituarmi a passare avanti come se niente fosse…come può esserci crescita se questo significa abbandono delle fasce più deboli e non cura della propria casa (intesa come rispetto dell’ambiente e amore per i nostri simili…nel limite del possibile). Un mio modestissimo pensiero :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 107 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: