Roberto Fiorini

Roberto Fiorini nasce a Bologna e vive a Ravenna. Matura la sua esperienza nel settore dello studio e della pianificazione ergonomica degli spazi di lavoro in ufficio, attraverso una trentennale collaborazione con le più importanti multinazionali del settore. Dove sviluppa e coordina a livello dirigenziale, diversi uffici e dipartimenti, startup aziendali,  divisionali e  numerosi  progetti  innovativi in Italia e all’estero. Studi di Architettura, Laurea in Scienze Aziendali, Master in Business Administration, Accademico Tiberino,  appassionato di storia,  archeologia,  antropologia, ergonomia ed ambiente, nel 2003 pubblica il  saggio  L’Orizzonte dei Re,  Spazio, Tempo e Rito nella Grande Piramide, in cui affronta il tema dello spazio rituale-esistenziale nelle architetture templari delle prime dinastie egiziane. Nel suo primo saggio di Business,  pubblicato nel 2011 dal titolo: ‘Esistenza, Spazio e Ufficio, Guida alla progettazione esistenziale degli spazi di lavoro. Ovvero: come, generando benessere, si possa recuperare efficienza', tratta dell’ambiente di lavoro d'ufficio, analizzando le molteplici perturbative che ne affliggono il compito lavorativo, attraverso un percorso di rilettura del suo spazio esistenziale.  Il fine era la definizione  di regole e concetti  per acquisire e diffondere, nell'era della Knowledge Society,  una coscienza di “efficienza sostenibile"  legata a principi etici,  spaziali e di benessere ambientale. Nel suo secondo saggio, dal titolo: ‘Kaizen Office, Sistemi per l'autodifesa dagli sprechi nella produzione del valore. Ovvero:  Attualizzazione dei principi del Gemba Kaizen nel lavoro d'ufficio della post modernità’  pubblicato nel 2012,  entra direttamente  nella  produzione del valore attraverso l’applicazione di metodologie derivate dal Gemba Kaizen. Dove presenta un modello tattico immediatamente applicabile, con regole quasi filosofiche,  di basso costo ma di alto valore etico e applicativo,  costruite sul rispetto umano e sulla sostenibilità dell'impresa. L'intento era  quello di guidare la trasformazione di ogni postazione di lavoro, in un vero e proprio laboratorio Kaizen,  costruito per combattere gli sprechi, migliorare l'ergonomia e ottimizzare il proprio tempo lavorativo e personale.  Nel 2014 pubblica: La dimensione nascosta nella Società della Conoscenza. Prossemica nell'Era digitale. Regole relazionali e convenzioni culturali nella società liquida globale. In quest’ultimo lavoro si occupa dell’Uomo e dei suoi comportamenti culturali e sociali, a cavallo del cambiamento epocale che la Società della Conoscenza digitale ha generato. L'intento è quello di esplorare la possibilità di definire una nuova “struttura” di regole prossemiche contestuali al modello sociale liquido-digitale che oggi viviamo. Con l’obiettivo di renderle tangibilmente utilizzabili quale additiva dotazione culturale nelle relazioni sociali allargate: dalla sfera privata a quella lavorativa, così come lo furono, negli anni ’60, quelle contenute nel celebre saggio di Hall; al cui titolo e pensiero, questo lavoro si ispira.

Homepage: http://www.leanworkspace.com

Cervello e lavoro: ecco le ultime novità dalle neuroscienze


Originally posted on cosa ho imparato oggi?:
Un articolo del Wall Street Journal anticipa la probabile nuova “moda” in tema di studi sul cervello. Il suo assunto di base intende scardinare una delle teorie di maggiore successo in questo campo, quella delle differenze tra pensiero logico e intuitivo attribuite a emisfero sinistro e destro del…

Lascia un commento

Azzardo o insicurezza? Cosa ci insegna la missione Rosetta


Originally posted on Think time:
Non viviamo tempi facili, basta informarsi, leggere i giornali o uscire per strada. Con questa affermazione non voglio dire che siamo alla fine della società così come la conosciamo o che siamo sotto costante minaccia fisica. Il mio è un altro discorso, più ampio, di “feeling” oserei dire. Non avete…

Lascia un commento

La sinistra dei totem di destra


Originally posted on Il Resto del Caffe:
Nella tradizione religiosa (mi scuso per l’utilizzo improprio del termine), il totem indica un animale o un’altra figura naturale la cui funzione è di rappresentare un gruppo sociale. Il totem è anche qualcosa di più lucidamente sofisticato. Utilizzare una forma simbolica al fine di rappresentare l’unità di un…

Lascia un commento

“Couorcher” a chi?


Originally posted on Tapioca&caffè:
La primavera s’avvicina e ci assale il terrore di trovarci a lavorare al computer con 40°C fuori e una trentina in casa durante le ore più calde, nonostante l’aria condizionata appalla. Idea: io e il mio compagno facciamo un giro di conoscenza degli spazi di co-working che riscuotono sempre…

Lascia un commento

La lenta agonia del pub, bene culturale della convivialità alcolica


Originally posted on cosa ho imparato oggi?:
«Drinking, while sleeping, strangers unknowingly keep me company. The only words I’ve said today are beer and thank you». da: Bill Callahan, The Sing In Inghilterra è in corso una rivoluzione antropologica destinata a influire tanto sull’ethos nazionale quanto sull’immaginario collettivo: il pub, da immemorabile tradizione luogo di incontro,…

Lascia un commento

Il tasso di cambio tra mito e realtà


Originally posted on Keynes blog:
Pubblichiamo alcuni stralci di un interessante articolo comparso nel 2010 su “Sbilanciamoci.info” I giornali plaudono alla promessa di Hu Jintao di lasciar fluttuare il cambio del renminbi in risposta alla lettera di Barak Obama, che il 16 giugno si è rivolto ai “colleghi” del G-20 richiamando la loro attenzione sul…

Lascia un commento

Social Media Strategy in 3 passi. #sapevatelo (#Prendifiatolab)


Originally posted on PARESBLOG:
Quando mi hanno chiesto di scrivere un post sui Social Media mi sono più volte interrogata su quale fosse la prospettiva migliore da cui affrontare l’argomento. Si tratta di un terreno scivoloso, mai uguale a se stesso, senza certezze né regole fisse: ed è proprio questo il suo fascino. Alla base…

Lascia un commento

# ARCHITECTURAL THEORIES /// A Subversive Approach to the Ideal Normatized Body


Originally posted on The Funambulist:
Body Measurements by Henry Dreyfuss Associates. MIT Press, 1974. A year ago, I wrote an article which was exploring how the modernist theories had implemented the ideology of what I called an ideal normative body. In a nutshell, this oxymoron expresses the paradox of the elaboration of a body that…

Lascia un commento

Impronte elettroniche: l’identità tra pubblico e privato


Originally posted on YBlog:
  February 14, 2012 by hellais – @hellais Questo è un saggio che scrissi nel 2008 e non ho mai pubblicato. Rileggendolo penso che ci siano degli spunti interessanti e, purtroppo, ancora molto attuali. Impronte elettroniche: l’identità tra pubblico e privato. di Arturo Filastò – 2008 Benvenuti nel futuro dove tutto…

Lascia un commento

Perché è utile chiedere un rimborso spese per lo stage (anche curricolare)


Originally posted on D I S . A M B . I G U A N D O:
Da anni faccio una battaglia quotidiana – in aula, via mail, sul questo blog, negli incontri faccia a faccia – per informare gli studenti e le studentesse del fatto che, prima di fare un tirocinio in azienda, è sempre…

Lascia un commento

La curva di Laffer e gli 80 euro di Renzi


Originally posted on #Perché Sinistra:
La politica della destra americana (che ha come capostipite Reagan) e quella di gran parte delle formazioni di centro-destra europee, in merito alla tassazione, nasce con la concezione di mettere in atto quello che riporta la Curva di Laffer (link). Non è un caso che Berlusconi, in una delle sue…

Lascia un commento

IL PIL… LA CREAZIONE…


Originally posted on economyidea:
? Si sente ormai da anni parlare di riforme, riduzione della pressione fiscale, semplificazione, riforma del mercato del lavoro, efficientamento della Pubblica Amministrazione… Tutte promesse ovviamente disattese, a causa delle numerosi Lobby che popolano il nostro Paese le quali per fare i propri interessi, finiscono per realizzare clamorosi autogoal che determinano…

Lascia un commento

L’Italia e le riforme: la lesson learnt spagnola ed il filo guida europeo che ci ricordano (Moody’s) di non perdere


Originally posted on Valentino Angeletti:
 In questi giorni si sente molto parlare della via virtuosa delle riforme che la Spagna è stata in grado di  perseguire. Il paragone rispetto all’Italia in modo non esplicito è stato portato anche da Draghi nel  suo ultimo  discorso (di seguito i passaggi principali ed un commento LINK) asserendo che gli…

Lascia un commento

Gli squilibri europei e la lezione di Keynes


Originally posted on Keynes blog:
di Alessandro Bramucci da Sbilanciamoci.info La crisi economica mondiale esplosa nel 2007 negli Stati Uniti con lo scoppio della bolla immobiliare e il fallimento della banca d’affari Lehman Brothers nel Settembre del 2008 affonda le sue radici nella finanza. La deregolamentazione del settore bancario, prima negli Stati Uniti e poi…

Lascia un commento

This is Probably a Good Time to Say That I Don’t Believe Robots Will Eat All the Jobs …


Originally posted on Marc Andreessen:
Image: Tobias Higbie  THE ROBOT TWEETSTORMS by @PMARCA One of the most interesting topics in modern times is the “robots eat all the jobs” thesis. It boils down to this: Computers can increasingly substitute for human labor, thus displacing jobs and creating unemployment. Your job, and every job, goes to…

Lascia un commento

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 107 follower