Inquinamento luminoso: danni all’ambiente e all’economia


Di Mariangela Martellotta.

La luce artificiale immessa nell’ambiente esterno, al di fuori degli spazi che è necessario illuminare, e che altera così la quantità naturale di luce presente, produce una forma di inquinamento chiamata inquinamento luminoso: una vera e propria forma di inquinamento della luce naturale prodotta da quella artificiale.
Quando si realizza un progetto architettonico – edificio, allestimento, infrastruttura che sia – ci si può non accorgere o non rendersi conto di quello che sarà la ripercussione circa le fonti luminose che vi saranno impiegate, ma i dati degli osservatori planetari parlano chiaro: negli ultimi anni l’inquinamento luminoso ha compromesso la visibilità del firmamento, contribuendo al degrado ambientale e minacciando la salute dell’uomo, ed è per questo motivo che anche l’ONU e l’UNESCO invitano alla salvaguardia del cielo e dei suoi significati storici e culturali. [fonte Planetario di Roma].
QUALI SONO GLI IMPATTI NEGATIVI SULL’AMBIENTE?
Le conseguenze negative dovute a questo fenomeno sono di diverso tipo, come documentano molti studi scientifici: danni alla percezione sensoriale di molte specie animali; disagi alle attività degli astronomi (con un relativo dato di pericolosità dovuto ad un vero e proprio isolamento della Terra rispetto agli altri pianeti); fastidio visivo per gli esseri umani; inutili sprechi energetici, di risorse e, quindi, di denaro che indicano l’uso di sistemi di illuminazione inadeguati; il danno alla componente paesaggistica, di cui il cielo notturno è elemento fondamentale con riscontri negativi per l’industria turistica nazionale che non sono componenti che devono passare in secondo piano. Lo scienziato B. E. Witherington nel 1992 scoprì perfino che le testuggini preferivano non nidificare là dove c’erano le luci e avevano difficoltà a trovare la strada di ritorno una volta approdate sulla spiaggia; le falene che impostano la rotta migratoria basandosi sulla luna e sulle stelle più luminose perdono completamente il senso dell’orientamento; le stesse piante sono costrette a fiorire a causa di esposizioni forzate a luci artificiali e questo a discapito del fiore stesso che tende a morire prima; si registrano alterazioni dei ritmi circadiani di uomini e animali etc…

QUALI SONO I DANNI MONETIZZABILI?
I danni monetizzabili sono lo spreco energetico per illuminare dove e quando non strettamente necessario; un danno alla cultura, sia umanistica che scientifica e alle sue tradizioni culturali legate all’osservazione del cielo; un danno economico poiché in Italia vengono annualmente spesi circa un miliardo di Euro per l’illuminazione esterna e almeno la metà potrebbe essere risparmiata.

Sono per esempio fonti di inquinamento luminoso la luce che un apparecchio di illuminazione disperde al di fuori della zona che dovrebbe illuminare o le stesse superfici illuminate quando riflettono o diffondono nell’ambiente la luce che giunge loro. Avere la convinzione che “più luce” significhi “più sicurezza” porta troppo spesso all’installazione insensata di impianti di illuminazione che possono peggiorare la situazione invece che migliorarla.

L’INQUINAMENTO LUMINOSO IN ITALIA
L’inquinamento luminoso sta crescendo in modo esponenziale, e con esso la luminosità del cielo. Dagli anni settanta ad oggi la luminosità artificiale del cielo è più che quadruplicata! Una valutazione globale del fenomeno dell’inquinamento luminoso però è stata resa possibile solo da pochi anni, grazie allo sviluppo delle tecnologie di osservazione satellitare, ed è stata svolta con un sostanziale contributo dall’Italia. In particolare è dalla fine degli anni ’80 che si studia il problema dal punto di vista scientifico ed ambientale. [Dip.Astronomia dell’Università di Padova].

Se il ritmo di incremento di inquinamento dovesse continuare con la rapidità odierna, le previsioni per l’Italia – basandosi sulla percentuale di aumento dell’inquinamento luminoso tra il 1971 ed il 1998 – dicono che nel 2025 l’Italia sarebbe un enorme faro luminoso. Ad oggi le zone incontaminate dei nostri territori sono ormai inesistenti, mentre le zone con un cielo ancora relativamente puro sono circoscritte e sempre più in pericolo: alcuni dei cieli con un grado di “discreta purezza” si possono trovare in Maremma, in alcune zone della Sardegna e sull’Appennino tra Calabria, Campania e Basilicata.

LA LEGISLAZIONE IN MATERIA
Per indirizzare lo sviluppo dell’illuminazione esterna notturna in una direzione virtuosa di rispetto dell’ambiente e di risparmio energetico, sono necessari degli interventi legislativi e in Italia le misure contro l’inquinamento luminoso e contro la dispersione di luce artificiale verso l’alto sono normate a livello regionale.

Le leggi più “virtuose” in materia sono quelle di Regione Lombardia, Emilia-Romagna [L.R. Emilia Romagna n° 19/03 ], Marche [L.R. Marche n° 10/02], Umbria [L.R. Umbria N° 20 del 28 febbraio 2005], Abruzzo[L.R. Abruzzo n° 12 del 3 MARZO 2005] e Puglia [L.R. Puglia n° 15, del 23 Novembre 2005] che possono esser considerate giusto punto di partenza per una illuminazione ecologica feconda di proficui sviluppi.
Le leggi italiane mirano a:
– ridurre inquinamento luminoso e consumi;
– ridurre i fenomeni d’abbagliamento;
– tutelare dall’inquinamento luminoso i siti degli osservatori astronomici professionali e non professionali di rilevanza regionale o provinciale, nonché delle loro zone circostanti;
– migliorare la qualità della vita e delle condizioni di fruizione dei centri urbani e dei beni ambientali.

Fonte: Inquinamento luminoso: danni all’ambiente e all’economia. Le leggi italiane.

Annunci

, ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraumbra.wordpress.com/

il sito di Rifondazione comunista dell'Umbria

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: