LE POTENZE ASIATICHE SDEGNANO IL DEBITO TEDESCO


DI AMBROSE EVANS-PRICHARD.
Telegraph.co.uk.

Gli investitori asiatici e le banche centrali hanno cominciato a vendere i bond tedeschi e a ritirarsi da tutta l’eurozona per la prima volta dall’inizio della crisi, ritenendo i dirigenti dell’UE incapaci di accordarsi su politiche coerenti.

Andrew Roberts, responsabile dei tassi alla Royal Bank of Scotland, ha detto che l’esodo dell’Asia segna un pericoloso punto di inflessione nel dramma che si sta dipanando. “Gli investitori giapponesi e asiatici stanno per la prima volta guardando al progetto dell’euro per dire ‘Non mi piace proprio per niente’ e fuggono da tutta la regione.

La domanda che tutti si fanno nei mercati del debito è se mollare la Germania. La Banca Centrale Europea ha un bilancio di 2 trilioni di euro e, se l’eurozona dovesse scivolare nell’abisso, la Germania ne subirà le conseguenze. Siamo davvero vicini al punto in cui i mercati si muoveranno in questa direzione, o forse già ci siamo“, ha detto.

Jean-Claude Juncker, capo dell’Eurogruppo, ha buttato benzina sul fuoco avvertendo che la Germania non è più un porto sicuro con un debito pari all’82 per cento del PIL. “Penso che il livello del debito tedesco sia preoccupante. La Germania ha più debiti della Spagna“, ha detto.

È comodo dire che le nazioni meridionali sono pigre e che i tedeschi sono gran lavoratori, ma le cose non stanno così,” ha detto, schiaffeggiando Francia e Germania per la “disastrosa” gestione della crisi.

I bund tedeschi hanno già perso lo status di ancora del debito europeo. I rendimenti della Svezia fuori dall’euro sono per la prima volta inferiori di 20 punti base per la prima volta nella storia moderna. I rendimenti danesi e britannici sono più alti, ma hanno ridotto la maggior parte della forbice negli ultimi mesi.

I bund possono ancora essere considerati un porto sicuro. Gli interessi sono solo all’1,86 per cento, ma sta emergendo una tendenza nelle ultime settimane in cui non si rafforzano quando ci sono le svendite in Italia, Spagna o Francia.

I bund non stanno più reagendo allo stesso modo“, ha detto Hans Redeker, responsabile delle divise a Morgan Stanley. “Fino a poco tempo fa, se gli investitori vendevano obbligazioni italiane, si sarebbero ribilanciati all’interno dell’eurozona comprando i Bund. Ma ora sembra che stiano portando i propri soldi fuori dall’UEM. I dati del Tesoro USA (TICS) mostrano che il denaro sta dirigendosi verso le obbligazioni del Tesoro degli Stati Uniti come se fosse l’ultimo porto sicuro.”

Simon Derrick di BNY Mellon ha riferito che i dati di flusso mostrano un abbandono dai Bund e dai titoli tedeschi che hanno un anno di durata o anche meno.” È un cambio di approccio drammatico. Anche se gli investitori continuano a considerare la Germania un porto sicuro, non la valutano così come facevano sei mesi fa.”

I trader affermano che gli asiatici stanno facendo profitti sui Bund e che si stanno ritirando, e ci sono segnali che anche la banca centrale cinese stia limitando il portafoglio. I fondi del Medio Oriente sono rimasti stabili.

L’esposizione della Germania per la crisi è già enorme e la situazione può solo peggiorare, mentre l’eurozona sta ripiombando in recessione. La Bundesbank è sinora disponibile per i pagamenti di 465 miliardi di euro del “Target2” alle banche centrali del Club Med e all’Irlanda per il sostegno al settore bancario. Hans Werner Sinn dell’IFO Institute ritiene che si tratti di una forma mascherata di eurobond che obbliga comunque i contribuenti tedeschi. “Il sistema in essere è pericoloso. È già incline a un gigantesco accumulo di debiti esterni“, ha detto.

La Bundesbank è la garante definitiva per 180 miliardi di euro di acquisti di obbligazioni da parte della Banca Centrale Europea, una quantità che sta ancora in aumento rapido, visto che la BCE sta acquistando il debito italiano e spagnolo

Oltre tutto, la Germania ha acconsentito alla sua quota di 211 miliardi di euro per il fondo di salvataggio europeo EFSF, così come per l’iniziale pacchetto di prestiti per la Grecia. Se l’eurozona dovesse rompersi nell’astio, con la morsa dei default sovrani e un crollo simile agli anni ’30 – già di per sé un “rischio non trascurabile ” – le perdite potrebbero spingere il debito tedesco verso il 120 per cento del PIL.

Gary Jenkins di Evolution Securities ha detto che il contagio dell’UEM al cuore dell’Europa ha portato all’attenzione la prospettiva di una rottura e ha sollevato l’interrogativo su quanto a lungo la Germania possa ancora rimanere un porto sicuro. “Un qualsiasi scenario pessimista potrebbe richiedere almeno una sostanziale ricapitalizzazione delle banche tedesche e garantire il debito dei partner dell’eurozona.”

I critici dicono che la Germania non è né carne né pesce. Ha sostenuto i salvataggi dell’UEM abbastanza per mettere in pericolo il valore del proprio credito, senza impegnarsi nella potenza di fuoco atomica necessaria per ripristinare la fiducia ed eliminare i rischi di default su Spagna e Italia. È difficile intraprendere una politica più distruttiva.

Ancora non ci sono cambiamenti in vista. La Cancelliera Angela Merkel ha ripetuto giovedì che la Germania non accetterà l’unificazione del debito dell’UE o un blitz di acquisti della BCE. “Se i politici pensano che la BCE possa risolvere i problemi dell’euro, stanno cercando di convincersi di qualcosa che non avverrà“, ha detto.

Ancora non offre alcuna via d’uscita all’intoppo, e ogni giorno la Germania sta affondando sempre più nel pantano.

**********************************************

Fonti: ComeDonChisciotte – LE POTENZE ASIATICHE SDEGNANO IL DEBITO TEDESCO PER IL CAOS DELL’UE.

Asian powers spurn German debt on EMU chaos

17.11.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Annunci

, , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraumbra.wordpress.com/

il sito di Rifondazione comunista dell'Umbria

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Rivista di argomenti e logica civile

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

"Non guardare indietro, non stai andando da quella parte."

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: