In Grecia compaiono monete locali, come accadde in Argentina dopo la crisi del 2001


Di Silvia Swinden.

Quando diventa evidente che i potenti economisti non sanno offrire altro che tagli, misure di austerità, insulti (tra cui “che paghino le tasse”, oppure “sono poveri perché sono oziosi”), allora la gente si rende conto che deve sbrigarsela da sola, ed entra in gioco la reale creatività umana. Ecco come una crisi si trasforma in opportunità.

Pressenza Londra, 6/12/12 In Grecia sta nascendo un piccolo ma crescente movimento in risposta alla crisi economica e alla possibilità di uscita dall’euro. Alcune città stanno utilizzando una moneta alternativa per superare i gravi problemi del Paese. Alcuni membri del sistema pagano per oggetti e servizi con unità locali alternative, o TEM (in greco), e ottengono in cambio beni e servizi di altri membri della rete.

Tuttavia, l’idea non è nuova. Nel 2001, quando l’economia argentina entrò in crisi ogni provincia produsse la propria moneta, evitando in questo modo di passare dalle banche che avevano sbarrato le proprie porte per impedire che la gente ritirasse il proprio denaro.

È in momenti come questo che si “scopre” che “il denaro di uno” in banca in realtà non esiste, che quei numeri solidi come una roccia che appaiono sui nostri conti correnti non sono nient’altro che rondini elettroniche virtuali, che navigano a velocità vertiginose attraverso i mercati borsistici del mondo, guadagnando a favore degli speculatori delle società o della borsa.

Nel sud del Massachusetts, negli Stati Uniti, il Berkshire – un’altra moneta locale – è nata come alternativa al dollaro ed è una delle monete locali che ha avuto maggiore successo nel Paese.

Il cimarrón in Venezuela, il WIR in Svizzera, LETS – Sistemi Locali di Interscambio Commerciale – nel Regno Unito, e molti altri sistemi nascono dalla decisione presa in una regione di rispondere a una crisi economica mediante la creazione di un meccanismo di interscambio locale, che permetta all’economia locale di mantenersi viva, alla gente di sopravvivere e di continuare a usufruire dei servizi.

Nelle cooperative di credito la stessa filosofia tende a nascere in comunità locali seguendo il principio per cui il risparmio può essere messo al servizio del finanziamento di progetti locali, in alternativa alla speculazione o all’accumulazione di conti nei Paradisi Fiscali, come Polly Toynbee lo esprime in modo poetico nel suo articolo sul Giubileo Reale:

“Intanto, truffando noi e le economie del mondo, il sole mai illuminerà il dominio della Regina che conta su più paradisi fiscali che in qualsiasi altro Paese, un arcipelago della vergogna nelle Isole del Canale della Manica, nell’Isola di Man, nelle Isole Cayman, delle Isole Turks e Caicos, a Gibilterra, nelle isole Bermuda, nelle Isole Vergini britanniche – e la stessa città di Londra. Sotto lo splendore, la miseria”.

Un’altra forma di economia che sta prendendo piede man mano che il sistema crolla è il concetto dei beni comuni. Sono molti gli esempi a sostegno del fatto che quando le risorse condivise (il cibo, la pesca e Internet) vengono gestisce secondo il principio di regolazione per l’interesse comune e non per il guadagno privato non regolarizzato, i campi non si inaridiscono, la fauna ittica non si esaurisce e si sviluppano grandi capacità, apparentemente dal nulla, ad uso e consumo di tutti. Per esempio, l’utilizzo di Wikipedia della licenza Creative Commons, così come i sistemi Linux e Ubuntu, ecc.

L’economista politica statunitense Elinor Ostrom sta conducendo uno studio su Le risorse di uso comune (sigla inglese RCP ) giungendo a delle conclusioni interessanti. Di fatto, stando agli studi da lei condotti, il successo di un progetto RCP si basa sui seguenti fattori: *1. Limiti definiti in modo chiaro (esclusione di attori esterni, che non hanno diritto a partecipare); *2. Norme relative all’appropriazione e all’approvvigionamento di risorse comuni che si adattino alle condizioni locali; *3. Elezione collettiva di accordi che forniscano alle persone coinvolte maggiori risorse per partecipare al processo decisionale; *4. Supervisione effettiva da parte degli istruttori che fanno parte del progetto e rendono conto ai partecipanti; *5. Scala di sanzioni graduali per i partecipanti che violino le regole della comunità; *6. Meccanismi di risoluzione dei conflitti economici e facilmente accessibili; *7. Autodeterminazione della comunità riconosciuta dalle autorità di alto livello; *8. Nel caso di importanti risorse comuni, l’organizzazione a forma di piramidi multiple di iniziative complementari, con piccoli CPR locali di base.

La domanda è, senza dubbio, se la condizione n. 1 conduce all’inevitabile esclusione degli “emarginati” e degli “stranieri”, secondo la scala del progetto condiviso. Ulteriori informazioni su questi interessanti sviluppi nell’universo delle alternative al sistema economico attuale sono reperibili su Wikipedia.

I diversi gruppi di lavoro del movimento Occupare/Indignados stanno studiando queste nuove idee – o forse non tanto nuove, visto che nel 1649 i True Levellers (veri e propri regolatori) inglesi, conosciuti anche con il nome di Diggers (ossia scavatori) già si impegnavano in questo genere di azioni.

Le minacce dei mercati continuano a imporre la propria disciplina alla gente comune a beneficio delle istituzioni finanziarie. Nonostante le severe misure di austerità già imposte, i sacrifici in corso non sono ancora sufficienti. Il nuovo numero uno del FMI, Christine Lagarde, – che non paga imposte sul proprio reddito – ha riversato la colpa sui greci, sostenendo che la causa della loro crisi finanziaria sta nel fatto che non pagano le tasse e la Germania, oltre a insistere su una maggiore austerità, continua ad opporsi all’aiuto al primo Paese dell’UE che cola a picco, perché popolato da gente “oziosa”, sebbene dati recenti (2008) dell’OCSE mostrino che i lavoratori greci lavorano in media un 48% in più dei tedeschi.

Non sarebbe la prima volta che il sistema “risolve” una delle sue crisi con una guerra (tanto che è il caso di chiedersi: cosa sta accadendo in Siria realmente?), o servendosi degli immigrati come capro espiatorio ( e ci sono segnali di una sommossa da parte di movimenti neofascisti in Europa). Pertanto c’è una certa urgenza di studiare e mettere in pratica esperimenti di modelli economici alternativi, la nostra vita può dipendere da questo.

Silvia Swinden – Author of “From Monkey Sapiens to Homo Intentional: The Phenomenology of the Nonviolent Revolution” – Adonis & Abbey, London 2006

Fonte: http://pressenza.com/npermalink/in-grecia-compaiono-monete-localix-come-accadde-in-argentina-dopo-la-crisi-del-2001

This article has been tagged with:
Economic violence, economy

20120615-083120.jpg

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: