L’avventura


20130722-094629.jpg

di Giovanni Carlini.

Chissà se a qualche impresa interessa questo progetto. Le pessime condizioni economiche del nostro Paese, sia attuali che in prospettiva, impongono nuove metodologie commerciali. Seguendo la traccia di percorso originale e vincente viene qui descritto sia un’esperienza vissuta che un progetto facilmente replicabile a patto però di poter sposare i bisogni delle imprese di vendere e di farsi conoscere sul mercato con quello di lavorare da parte di un numero crescente di persone. Saremo capaci d’aprire una nuova stagione nelle relazioni commerciali a livello mondiale?
Le nuove idee e scoperte come sempre avvengono per caso. Curando gli interessi di una grande impresa manifatturiera italiana, interessata a entrare nel mercato statunitense, è stato progettato un nuovo modello di marketing.
Prima di descrivere le nuove strategie va fatta una premessa. Il marketing, pensato e realizzato in epoca recente (dai tardi anni sessanta) e concettualizzato da Philips Kotler (ha scritto 26 libri sull’argomento e una volta all’anno passa per Milano offrendo una conferenza al costo di 1300 euro a testa) si può definire come collocazione del prodotto sul mercato. Sostanzialmente un’impresa realizza un manufatto, seguendo le richieste della clientela e lo impone con tecniche pubblicitarie al consumo. Diversa è la sociologia dei consumi che inverte i flussi; anziché dall’azienda al mercato, il perfetto contrario. Un’impresa dedita alla sociologia dei consumi, lavora sempre “di nicchia” ascoltando e realizzando ciò che il mercato richiede.
Chiarite queste due grandi filosofie d’introduzione e relazione con il mercato, l’esperienza già vissuta e il successivo progetto da realizzare con altri partner ancora da trovare, s’inquadra nella sensibilità della sociologia dei consumi.
Partendo dall’inizio, la grande impresa italiana era nel dubbio se aprire un classico showroom in America per farsi conoscere, o individuare un produttore locale a cui affidare, in joint venture, la realizzazione di alcuni modelli, accontentandosi delle royalties.
Inviato un consulente negli Usa per sondare il mercato, emerge un quadro completamente diverso e di successo. Sganciandosi dalla logica della localizzazione (New York vale come il deserto del Mojave in California) il consulente identifica il bisogno di una comunità locale nell’acquistare un terreno che ne custodisce le radici storiche.
Acquisita la collina, questa viene donata alla municipalità ottenendo due risultati: il rientro dell’integrale cifra spesa, come tasse pagate in meno sull’attività aperta in nome e conto dell’azienda italiana e il rilievo pubblicitario dei mass media locali e nazionali. Non è finita. I cittadini, spinti anche dal sindaco, grati per l’iniziativa, considerano “loro” il marchio italiano che ha permesso tutto ciò, alimentando un flusso d’acquisti capace d’azzerare tutti i processi d’ammortamento e avviamento dell’iniziativa.
C’è ancora un’altra novità. Sul terreno donato al Comune sorge un’intensa area ricreativa a beneficio dei cittadini, l’impresa italiana apre una winery (locale a bassa ristorazione per la degustazione di diversi tipi di vino) realizzando il museo della regione.
I consumatori, apprezzando vino italiano (al momento importato) possono visitare il museo e le sue originali formule espositive. Le Signore noleggiano per la sera un abito italiano, che potranno anche acquistare al termine del loro impegno mondano. Il museo e la winery, con il nome dell’impresa italiana, sono arredati con mobilia, divani, parquet e illuminazione italiani (che si possono ordinare per l’acquisto o ricevere una consulenza per l’arredamento) consumando prosciutto crudo italiano, parmigiano reggiano e lambrusco (acquistabili anch’essi presso la winery).

Quanto qui narrato è un modello di marketing in ambito di sociologia dei consumi, anzi è un nuovo criterio di relazione con mercati maturi.
Richiede la presenza in loco di un’intera squadra d’italiani e annesse famiglie; sostanzialmente 3 coppie o famiglie, disposte a lasciare l’Italia. Considerato che questo sistema funziona, ci sono imprese che apprezzino essere rappresentate nel territorio degli Stati Uniti con simili modalità e famiglie-coppie interessate a trasferirsi?
Chi voglia far parte di questo progetto, prenda contatto. Buon lavoro.

La mia firma:
un sociologo economista.
Per leggere gli appunti consulta il http://www.giovannicarlini.com
La presentazione: http://youtu.be/VFMuK1ijjiI

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: