L’industria italiana in serie B e la ripresa che non arriva


Keynes blog

350px-Blue_Banana.svg

di D.Palma e G.Iodice, da Left del 31 agosto 2013

In una Europa che con fatica cerca la via d’uscita dalla crisi, ogni piccolo passo in avanti si fa carico di attese. Il periodo estivo ha in effetti portato alla ribalta segnali importanti relativi al miglioramento del Pil, confermati da quelli dell’attività industriale. Ma le verifiche necessarie perché si possa parlare di ripresa e gridare allo scampato pericolo sono ancora molte. Questo perché non è chiaro in che misura la ripresa sia ancora sostenuta da una robusta messa in moto della domanda interna dei diversi paesi , e non è chiaro in che misura gli squilibri che alimentano le tensioni interne all’area euro siano destinati a peggiorare. L’incertezza del quadro è, come noto, appesantita dalle performance delle “economie periferiche” (Italia, Spagna, Grecia, Portogallo), talvolta con segnali non del tutto incoraggianti provenienti dalla Francia. Nel complesso però il quadro è assai…

View original post 227 altre parole

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: