Una botta d’ottimismo gasando le aspettative


20131210-191904.jpg

By Giovanni Carlini

Certo che l’ottimismo, oggi come oggi, in Occidente, è merce rara. Qualcosa di diverso si sta vivendo in Nord America. Infatti la crisi, vista dagli Stati Uniti, è completamente diversa rispetto a quanto si vive in Europa. Laddove nel vecchio continente s’inseguono quegli annunci sulla fine del lungo periodo di stagnazione, che nessuno effettivamente vede o percepisce (meno male che esistono ancora gli ottimisti) in America ci sono gli elementi per crederci.
Gli americani sono «autorizzati» a credere a un importante rallentamento della congiuntura negativa, con assorbimento della disoccupazione, (che poi rappresenta il cuore della ripresa economica, grazie alla sua capacità di spesa) perché hanno attivato, dal marzo 2011, politiche di reshoring (rientro in patria d’imprese precedentemente de localizzate) e per la ridotta dipendenza dal petrolio importato. Sono due dati di fatto che permettono di sperare in un futuro migliore.
La stampa italiana, quella economica, in questi mesi, facendo i conti, ha affermato che l’industria automobilistica nazionale è tornata al 1958 per numero d’auto prodotte. Ragionandoci sopra, la differenza tra gli anni Cinquanta e Sessanta e oggi, non risiede solo nel mutato potere d’acquisto. Ora siamo decisamente più ricchi di tutto, a dispetto delle fredde statistiche, ma ci sentiamo anche più arrabbiati, delusi, distaccati dal sociale e poco costruttivi quando, 40 anni fa, con le pezze al sedere e in bicicletta, o alla guida di una 500 Fiat, avevamo una marcia in più: la fiducia.
È possibile uscire dalla crisi restando sfiduciati? Forse, ma non ci sono al momento esperienze tali di poter risollevare dei depressi, se non caricati con un nuovo spirito d’avventura per nuovi amori o rigenerati con diverse opportunità di lavoro o per studi e diverse esperienze di ricerca.
Tutto questo negli Usa c’è perché lo shale gas consente di “gasare” la ripresa (reale o fittizia che sia) suggerendo fiducia.
In effetti, sul piano personale, guidando a cavallo tra diversi stati, in Nord America, con entusiasmo cerco pompe di benzina per carburanti alternativi (come 3 anni fa per quella verde, d’origine vegetale, che costava appena poco meno di quella importata) ma non ne trovo! Immagino che il gas estratto sia convogliato nei metanodotti a vantaggio dell’industria.
Resta comune a tutti gli americani il mito dell’autosufficienza energetica in grado d’aprire un discorso nuovo: cosa fare con i soldi risparmiati?
Nessun commentatore politico è riuscito, sino ad ora, a inquadrare il braccio di ferro tra repubblicani e democratici al congresso, sul bilancio pubblico, anche in quest’ottica. Sta per aprirsi in chiaro un nuovo interrogativo: i miliardi di dollari risparmiati dall’import di petrolio, dove investirli? Nella sanità, scuola, case, ricostruendo il paese in un nuovo progetto urbanistico come già fu il New Deal degli anni Trenta, oppure in una nuova generazione di reattori nucleari seguendo l’esempio della Gran Bretagna di questi giorni?
Comunque sia, sarà la scelta degli americani, quando gli europei non hanno scelte, ma solo proclami. In Europa è la politica fiscale «il motore» dell’economia nel tentativo di quadrare i conti. Ovvero, farsi restituire dai cittadini quote di ricchezza eccessivamente goduta negli anni passati. È come dire: abbiamo esagerato e ora torniamo indietro.
In effetti la revisione degli stili di vita, in termini più austeri è sicuramente un atto di saggezza, ma non è sufficiente per uscire dalla crisi, al massimo è appena sufficiente per gestirla. Gli americani ci insegnano, ancora una volta, che per superare un lungo periodo di stagnazione servono investimenti, energia, industria, posti di lavoro, ricerca & sviluppo, idee, aziende non vincolate dal gruppo familiare, nuova tecnologia.
Grazie America per averci ricordato l’ovvio, che in Europa si tende a dimenticare: manca la voglia e il bisogno di dare e ricevere fiducia. Wake up Europa!

La mia firma:
un sociologo economista.
Per leggere gli appunti consulta il http://www.giovannicarlini.com
La presentazione: http://youtu.be/VFMuK1ijjiI

  1. #1 di maria carmen cortesi il 12 dicembre 2013 - 14:53

    bellissima questa riflessione! Ci vorrebbero davvero tutte queste cose per ricominciare e lasciare indietro questa crisi…ma dove le troviamo nella vecchia Europa? Chi ha i soldi da investire, sta bene così e non è motivato ad investire e chi ha le idee, attende momenti migliori per metterle in atto, così sono tutti in attesa che la crisi finisca, come se fosse un raffreddore che come arriva, se ne va…intanto chi può, sopravvive e chi non ce la fa….

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: