Dovere e volere, ovvero del perché essere buoni


Note in bottiglia

right_wrong_way-300x199Perché essere buoni? Perché dovrei comportarmi moralmente in un mondo dove spesso paga di più comportarsi in maniera contraria, sfruttando le persone, essendo egoisti, rubando e infrangendo la legge?
Questo tipo di domande sono tra le più antiche che l’uomo si sia mai posto, e costituiscono il nocciolo della morale e dell’etica ancora oggi. Per molti filosofi, la ricerca della risposta a questa domanda è stata proprio la loro principale spinta speculativa, e sicuramente prima o poi ci ritroveremo davanti all’innocente perché?” di un bambino, magari nostro figlio, che ci chiede di rendergli conto delle motivazioni per cui dovrebbe comportarsi bene ed essere un bravo bambino.

In questo articolo non fornirò delle motivazioni precise come risposta, per le quali rinvio a grandi scrittori e artisti, come Platone, Kant, Tolstoj, che meglio di me hanno saputo fornire motivazioni pressanti per cui una vita virtuosa sia preferibile ad una vita di…

View original post 1.889 altre parole

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: