La comunicazione dei curdi tra la lotta all’ISIS e il desiderio di uno Stato


nutsfree

La regione del Kurdistan è politicamente divisa fra Iraq, Iran, Siria e Turchia. I curdi, all’incirca 35- 40 milioni di persone, costituiscono uno dei gruppi etnici più vasti privo di unità nazionale. Per oltre un secolo la popolazione ha chiesto la creazione di uno Stato indipendente o perlomeno autonomo, con mezzi sia politici sia militari. Tuttavia i governi delle nazioni che ospitano la regione del Kurdistan si sono sempre opposti attivamente all’idea. I motivi che stanno alla base di questa negazione sono molteplici: dalla sovranità degli Stati alla presenza di risorse prime nei territori.
In questo contesto variegato di nazionalità, appartenenza e religione, i curdi chiedono da tempo un proprio Stato in cui lingua e cultura non vengano calpestati. Principalmente musulmani sunniti, i curdi sono anche di fede alevita, cristiana ed ebraica. Essi vedono nel comunismo la migliore forma di governo e demonizzano il capitalismo. Molti Stati hanno classificato come…

View original post 720 altre parole

  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

sinistraunita

sinistraunita

RAVENNA POSSIBILE

Blog dei comitati Possibile della città di Ravenna

Il simplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come.

Hic Rhodus

Hic Salta!

Il Resto del Caffè

Antiquotidiano di informazione e cultura

Hebertismo.it

Il portale italiano sul Metodo Naturale di educazione fisica, virile e morale di Georges Hébert

News-Info. Alternativa

Un'informazione alternativa alla "propaganda" mainstream.

Barbara Olivieri

Non solo un architetto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: